Bread for Women (BfW)

Il progetto Bread for Women unisce intervento umanitario e di sviluppo. Parte da Kabul, ma è stato concepito per essere esteso ad altre regioni più bisognose e remote dell’Afghanistan. con l’obiettivo di generare un impatto economico positivo su larga scala.

Oggi in Afghanistan la popolazione è afflitta da una carestia sempre più grave per l’effetto combinato della crisi economica, del drastico aumento dei prezzi delle materie prime, dei beni di prima necessità e del crollo dell’occupazione femminile. Di conseguenza l’80% delle donne – spesso capofamiglia – non hanno più i mezzi sufficienti per rispondere ai bisogni primari, per se stesse e per i propri figli.

Bread for Women è incentrato sul pane, ‘naan’ in lingua Dari, che è l’alimento di base del regime alimentare degli afghani, il cibo più economico per sfamarsi e l’unico che possono permettersi.

Abbiamo riabilitato alcune panetterie tradizionali in disuso nei distretti della capitale afghana che versano nelle condizioni più critiche, rendendole maggiormente efficienti in termini produttivi, più sostenibili, sia per l’ambiente che per la salute delle donne che vi lavorano. Abbiamo anche fornito una formazione tecnica e contabile ad hoc alle bakers selezionate per metterle in condizione di sviluppare successivamente un’attività imprenditoriale in piena autonomia. Forniamo le materie prime necessarie alla produzione del pane quotidiano e ne acquistiamo un rilevante quantitativo che viene distribuito gratuitamente ogni giorno a donne capofamiglia in stato di estrema povertà, aiutando circa un migliaio di persone.

Non meno importante, la forte componente sociale di Bread for Women che fa dei forni un luogo di socializzazione e di condivisione per le bakers e le beneficiarie.

Come da prassi ormai consolidata, NOVE e i donatori hanno puntato su un progetto replicabile, che in prospettiva sarà generatore di reddito per un numero sempre maggiore di donne e famiglie, nel rispetto delle normative dei talebani.

PROGETTO inaugurato a Kabul nel 2023.

DONATORI: Linda Norgrove Foundation, 8×1000 all’Unione Buddista Italiana, Uplift Afghanistan Fund.